Olio Extra Vergine di Oliva

I  tronchi nodosi, bitorzoluti, ritorti degli ulivi sono una presenza costante nella campagna corleonese. Addentrandosi fra le colline, seguendo le curve dei grigi nastri d’asfalto, li vedi sempre, ora solitari, ora in filari ordinati, con le loro chiome d’argento suonate dalla brezza.
L’olio d’oliva, infatti, è alimento sano, gustoso, benefico per la salute e perfino terapeutico, come ci rammenta ìl detto siciliano ogghiu comuni sana ogni duluri (l’olio guarisce ogni dolore). Le tecniche per la realizzazione di un prodotto naturale come l’olio d’oliva non sono cambiate, anche se non si usano più i macchinari di un tempo, ancora osservabili nel museo etnografici della città, come le antiche macine tradizionali realizzate con un gigantesca mola di pietra.

La raccolta, dal canto suo, è assolutamente identica a quella di una volta: le olive vanno rigorosamente raccolte a mano, se del caso battendo con le canne le chiome degli alberi – mai troppo forte, per non rompere i rami – in modo cadano al suolo, dove vengono stesi grandi teli. Le olive vanno trasportate in frantoio nel più breve tempo possibile, perché non si schiaccino, e la lavorazione segue una serie precisa di passaggi, dal lavaggio delle olive fino alla separazione della polpa dai noccioli e all’estrazione vera e proprio dell’olio. L’olio d’oliva è estremamente importante nella dieta mediterranea: esso fa parte dei grassi monoinsaturi, che hanno il principale merito di contribuire ad abbassare i livelli del cosiddetto “colesterolo cattivo”.
È indicato nella dieta di bambini e anziani, per l’alta digeribilità.

Informazioni

La riserva può essere raggiunta da Palermo attraverso lo scorrimento veloce Palermo-Agrigento imboccando l’uscita per Bolognetta; quindi seguire le indicazioni per Marineo (SS 118) e procedere in direzione Corleone, subito dopo il lago Scanzano, si arriva al bivio per Ficuzza, svoltare a sinistra per raggiungere il piccolo centro abitato. L’accesso alla riserva è garantito dai numerosi percorsi che si dipartono dai centri di Godrano, Marineo, Corleone, Mezzojuso e Campofelice di Fitalia.